Cosa vedere a Sucre, la capitale della Bolivia

0
89
sucre-bolivia

Cosa vedere a Sucre, la capitale costituzionale della Bolivia, nel post a cura di Viaggi nel Mondo

Benvenuti nel nostro nuovo viaggio alla scoperta di Sucre, la capitale costituzionale della Bolivia, nota per le sue straordinarie architetture coloniali e il suo ricco patrimonio culturale. Questa città incantevole, spesso definita la “ciudad blanca” per i suoi edifici imbiancati a calce, offre una combinazione unica di storia, cultura e bellezza naturale.

Scopriamo insieme cosa rende Sucre una destinazione imperdibile per ogni viaggiatore, nel nuovo post dedicato ai viaggi intorno al mondo, a cura del nostro portale!

Dove si trova Sucre

Sucre si trova nella parte sud-centrale della Bolivia, incastonata nelle valli dell’altopiano andino. È la capitale costituzionale del paese, sebbene la sede del governo si trovi a La Paz. La città è abitata da circa 300.000 abitanti.

La sua posizione privilegiata la rende un punto di partenza ideale per esplorare le ricchezze culturali e naturali della Bolivia.

Ecco a te la mappa di Sucre:

mappa sucre

Clima Sucre

Il clima di Sucre è mite e piacevolmente temperato tutto l’anno, grazie alla sua altitudine di circa 2.800 metri sopra il livello del mare. Le giornate sono generalmente soleggiate con temperature che variano dai 15°C ai 25°C, mentre le notti possono essere fresche.

Questo clima rende Sucre una destinazione perfetta da visitare in qualsiasi periodo dell’anno.

Moneta Bolivia

La moneta ufficiale della Bolivia è il Boliviano (BOB). È consigliabile avere con sé contanti quando si visita Sucre, poiché non tutti i negozi e i ristoranti accettano carte di credito. Troverete, comunque, diverse banche e sportelli automatici in città per prelevare o cambiare denaro.

Come muoversi a Sucre

Sucre è una città relativamente piccola e la maggior parte delle sue attrazioni possono essere facilmente raggiunte a piedi, il che permette di ammirare la bellezza dei suoi edifici coloniali e delle sue strade acciottolate. Per spostamenti più lunghi, ci sono taxi e minibus, entrambi opzioni convenienti e facilmente accessibili.

Cosa vedere a Sucre

Sucre, la capitale costituzionale della Bolivia, è un gioiello architettonico che offre ai visitatori un affascinante viaggio attraverso la storia e la cultura. Al centro della sua attrattiva ci sono le impeccabili architetture coloniali che punteggiano la città, rendendola un museo a cielo aperto.

Un punto di partenza imperdibile è la Casa de la Libertad, situata nella piazza principale, Plaza 25 de Mayo. Questo edificio storico non è solo il luogo dove fu proclamata l’indipendenza della Bolivia, ma ospita anche una collezione di artefatti che raccontano la lotta del paese per la libertà.

Proseguendo, il Convento di San Felipe Neri offre non solo un’architettura religiosa mozzafiato, con i suoi chiostri tranquilli e le sue cappelle ornate, ma anche una vista panoramica senza pari su Sucre dalla sua terrazza, regalando ai visitatori uno dei migliori scorci della città. La Cattedrale Metropolitana, con la sua imponente facciata bianca e interni ricchi di arte sacra, è un altro capolavoro, che testimonia la profonda influenza spagnola nella regione.

Per coloro che sono affascinati dalla storia naturale, il Parco Cretacico è una destinazione obbligatoria. Situato a breve distanza da Sucre, il parco vanta una delle più grandi tracce di impronte di dinosauro al mondo, offrendo una finestra unica sul passato preistorico della Terra. Queste impronte, incastonate verticalmente in una parete di calcare, sono un promemoria stupefacente dell’antica vita che una volta dominava queste terre.

Sucre è anche il luogo ideale per immergersi nella cultura vivente della Bolivia. Passeggiando per le sue strade acciottolate, si scoprono mercati colorati, musei dedicati all’arte tessile indigena e cortili nascosti, dove il tempo sembra essersi fermato. Ogni angolo della città racconta una storia, rendendola una città da esplorare senza fretta, assaporando la sua atmosfera unica e la sua bellezza senza tempo.

sucre
Convento di San Felipe Neri

Cosa mangiare a Sucre

La cucina di Sucre è un viaggio culinario che cattura l’essenza della Bolivia, mescolando tradizioni indigene con influenze spagnole per creare piatti unici e memorabili. Uno dei piatti da non perdere è il “Pique Macho”, una generosa porzione di carne di manzo tagliata a pezzi e salsiccia, servita su un letto di patate, cipolle, peperoni, e condita con uova sode, pomodori e peperoncini piccanti. Questo piatto, noto per il suo sapore intenso e la sua abbondanza, è perfetto per condividere e rappresenta la convivialità della cultura boliviana.

Un’altra specialità locale è il “Mondongo Chuquisaqueño”, tipico della domenica a Sucre. Questo piatto festivo è composto da maiale cotto lentamente in una salsa speziata con mais bianco e condito con erbe aromatiche. Servito con patate e una varietà di verdure, il mondongo offre una combinazione di sapori che delizierà qualsiasi palato.

Le “Salteñas” sono un must per chiunque visiti Sucre. Queste empanadas boliviane, disponibili in varietà dolci e salate, sono ripiene di carne, pollo o verdure, insieme a una salsa succulenta che le rende irresistibili. Sono l’ideale per uno spuntino a metà giornata e offrono un assaggio autentico della cucina di strada boliviana.

Infine, per i dolci, i “Cuñapés” sono una delizia che non può mancare. Questi piccoli panini al formaggio sono morbidi, elastici e leggermente dolci, perfetti da gustare con un caffè boliviano o una tazza di tè di coca, per una vera esperienza culinaria chuquisaqueña.

Assaporare la cucina di Sucre significa immergersi in un mondo di sapori intensi, tradizioni profonde e innovazioni deliziose, rendendo ogni pasto un’avventura indimenticabile.

cosa-mangiare-a-la-paz
Empanadas

Cosa fare la sera a Sucre

La sera, Sucre si trasforma, offrendo ai suoi visitatori un’atmosfera vibrante e accogliente, che invita ad esplorare la sua vivace vita notturna. Dopo il tramonto, le strade storiche della città si animano, con i locali che aprono le loro porte per accogliere sia i locali che i viaggiatori in cerca di divertimento e relax.

Un’esperienza da non perdere è quella di visitare uno dei tanti caffè culturali disseminati nel centro, dove potrete assaporare un caffè boliviano di qualità o un tradizionale tè di coca (che da queste parti si usa per combattere anche spossatezza e giramenti di testa), accompagnati magari da una lettura o da una piacevole conversazione. Questi spazi offrono spesso anche eventi culturali, come mostre d’arte, letture di poesia e piccoli concerti, riflettendo lo spirito creativo e intellettuale di Sucre.

Per coloro che cercano di immergersi nella musica e nel ballo, Sucre ha molto da offrire. I club e i bar della città presentano una grande varietà di generi musicali, dalla tradizionale musica folk boliviana ai ritmi più moderni di salsa, cumbia e reggaeton. Ballare una salsa o una bachata in uno dei locali notturni di Sucre è un modo eccellente per socializzare e vivere da vicino la passione dei boliviani per la musica e il ballo.

Gli appassionati di storia e cultura non resteranno delusi dalle serate a Sucre. Le passeggiate notturne attraverso il centro storico offrono una prospettiva unica sulla città, con i suoi edifici coloniali magnificamente illuminati che creano un’atmosfera magica e fuori dal tempo. Inoltre, alcuni musei e gallerie d’arte estendono occasionalmente i loro orari di apertura di sera, permettendo ai visitatori di ammirare le collezioni artistiche e storiche di Sucre sotto una luce diversa.

cosa-fare-la-sera-a-sucre

 

Conclusioni

Sucre è una città che incanta i visitatori con il suo fascino coloniale, la sua storia affascinante e la sua vivace cultura. Che siate appassionati di storia, amanti della natura o buongustai, Sucre ha qualcosa da offrire a tutti.

Lasciatevi sedurre dalla “ciudad blanca” della Bolivia e scoprite perché è considerata uno dei tesori nascosti del Sud America.